Statuto dell'Associaizone

 

Art. 1 - Denominazione
Art. 2 - Sede
Art. 3 - Finalità
Art. 4
Art. 5 - Patrimonio
Art. 6 - Esercizio finanziario
Art. 7 - Soci
Art. 8 - Diritti e obblighi degli associati
Art. 9 - Recesso ed esclusione
Art. 10 - Organismi
Art. 11 - Assemblea
Art. 12 - Comitato Direttivo
Art. 13 - La Presidenza
Art. 14 - Revisori dei Conti
Art. 15 - Gratuità delle cariche
Art. 16 - Scioglimento e liquidazione

 

Art. 1 - Denominazione

È costituita l'Associazione denominata Università Popolare del Tempo Libero "Ignazio Nigrelli" di Piazza Armerina. L'Associazione non ha fini di lucro.

Art. 2 - Sede

L'Associazione ha sede in Piazza Armerina.

Art. 3 - Finalità

L'Associazione si propone di contribuire alla crescita culturale e civile delle persone, con particolare riguardo agli anziani e ai lavoratori, per accrescerne la consapevolezza nell'esercizio dei diritti, delle responsabilità e della solidarietà. L'Associazione si propone inoltre di partecipare e contribuire alla costruzione di un sistema educativo nazionale nel quale si consolidino le forme organizzative e le modalità didattiche dell'educazione permanente degli adulti e anziani ispirate al criterio dell'autogestione.
Per conseguenza l'Associazione sostiene e promuove quelle iniziative che favoriscono la partecipazione dei soci nella conduzione di programmi educativi e formativi, al fine di soddisfare la domanda crescente delle persone di sviluppare la loro autonoma capacità partecipativa e gestionale.
L'Associazione promuove lo sviluppo di forme di autogestione di volontariato e solidarietà, in particolare tra gli anziani.

 

 torna su

Art. 4

Per conseguire le sue finalità l'Associazione organizza attività didattiche in modo programmato e certo:
1. corsi annuali per livelli progressivi sulle materie individuate sulla base di una effettiva domanda;
2. conferenze tematiche;
3. corsi monografici di educazione civica, sanitaria, alimentare, artistica, ecc.;
4. organizza attività culturale del tipo: gruppo corale, compagnia teatrale, banda e orchestra musicale, stagionale teatrale/concertistica, esposizione d'arte, ecc.
5. organizza la formazione/educazione alla solidarietà attraverso corsi per il volontariato, per la gestione associativa, per svolgere attività socialmente e culturalmente utili;
6. organizza la gestione del tempo libero a fini culturali: turismo e vacanze di studio, attività motoria e sportiva;
L'Associazione può assumere l'autogestione di attività di solidarietà e/o assistenziali della terza età.

Art. 5 - Patrimonio

Il patrimonio dell'Associazione è costituito da:
a. quote annuali di adesione dei soci;
b. contributi degli associati;
c. eventuali contributi di Enti pubblici e privati, imprese e persone fisiche;
d. da ogni altro provento derivante dall'esercizio dell'attività sociale o da atti di liberalità degli associati o di terzi.
I contributi di Enti pubblici e privati, imprese e persone fisiche devono essere finalizzati a specifici programmi.

Art. 6 - Esercizio finanziario

L'esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Entro tre mesi dalla chiusura dell'esercizio il Comitato Direttivo predispone il bilancio consuntivo con la relazione sull'attività svolta e il bilancio preventivo per l'anno successivo.
I bilanci con la relazione e il programma di cui al secondo comma, devono essere sottoposti all'approvazione dell'Assemblea entro il 30 aprile di ogni anno. Il bilancio consuntivo con la relazione allegata devono essere comunicati ai due Revisori dei Conti almeno 15 giorni prima di quello fissato per l'esame e l'approvazione da parte dell'Assemblea.

 

 torna su

Art. 7 - Soci

Sono ammessi come soci tutti coloro che sono interessati alle finalità e agli scopi dell'Associazione, partecipano alle sue attività e ne sostengono la crescita. Sull'accoglimento della domanda delibera il Comitato Direttivo.
I soci che prestano attività di volontariato lo fanno a titolo personale, spontaneo e gratuito.

Art. 8 - Diritti e obblighi degli associati

Gli associati hanno diritto di frequentare la sede dell'Associazione e di partecipare a tutte le sue iniziative.
Gli associati sono tenuti al pagamento dei contributi annuali nella misura fissata di anno in anno dal Comitato Direttivo e a prestare, nei limiti delle proprie possibilità, la personale opera per lo sviluppo dell'attività sociale e il conseguimento degli scopi sociali.
Gli associati hanno diritto a:
- eleggere gli organi direttivi e di controllo;
- promuovere e organizzare attività corrispondenti alle finalità e principi dell'Associazione.

Art. 9 - Recesso ed esclusione

L'associato perde la qualifica di socio per mancato pagamento della quota associativa, per rifiuto motivato del rinnovo dell'affiliazione da parte degli organismi dirigenti; per espulsione qualora il comportamento e le attività di socio siano in palese contrasto con i principi o le finalità del presente statuto.
L'associato può recedere dall'Associazione mediante comunicazione scritta inviata al Presidente con plico di raccomandata con ricevuta di ritorno. Il recesso ha effetto dalla data di chiusura dell'esercizio nel corso del quale è stato esercitato.
L'esclusione è deliberata dal Comitato Direttivo.
Gli associati receduti o esclusi o che comunque abbiano cessata di appartenere all'Associazione non possono richiedere i contributi versati, né hanno diritto alcuno sul patrimonio dell'Associazione.

 

 torna su

Art. 10 - Organismi

Sono organismi dell'Associazione:
a. l'Assemblea;
b. il Comitato Direttivo;
c. la Presidenza;
d. i Revisori dei Conti.
Tutte le cariche sociali vengono svolte a titolo gratuito.

Art. 11 - Assemblea

L'Assemblea è costituita da tutti i soci.
Essa si riunisce almeno una volta all'anno ed ha le seguenti funzioni:
a. elegge i membri del Comitato Direttivo;
b. elegge i Revisori dei Conti;
c. delibera sulle modifiche dello Statuto dell'Associazione;
d. delibera sullo scioglimento dell'Associazione e sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione
e. approva il bilancio consuntivo e preventivo e la relativa relazione.
Le deliberazioni sono adottate con il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Le sedute sono valide con la presenza della metà più uno degli iscritti in regola, in prima convocazione; con la presenza di almeno un terzo degli associati in seconda convocazione da tenersi dopo un'ora dalla prima non svoltasi per mancanza del numero legale.
L'Assemblea viene convocata almeno una volta all'anno, entro il 30 aprile; la lettera di convocazione inviata almeno 15 giorni prima della data fissata per la riunione deve contenere l'indicazione del luogo, del giorno e dell'ora fissata per la riunione, non ché l'ordine del giorno. Per il principio della democraticità, e ai sensi dell'art. 20 del Codice Civile, l'Assemblea dei soci può essere convocata, in via straordinaria, su richiesta motivata di almeno un decimo di tutti i soci.

Art. 12 - Comitato Direttivo

Il comitato Direttivo eletto dall'Assemblea ha il compito di
a. realizzare i deliberati dell'Assemblea;
b. eleggere tra i suoi soci membri il Presidente e due Vice Presidenti
Il Comitato Direttivo è convocato almeno ogni tre mesi con lettera inviata almeno 15 giorni prima di quello fissato per la riunione. La convocazione può avvenire, se urgente, anche per mezzo telefonico. La lettera di convocazione deve indicare il giorno, l'ora, il luogo della riunione e l'ordine del giorno.
Il Comitato Direttivo è presieduto dal Presidente, o, in caso di assenza o impedimento, dal Vice presidente più anziano per età.
Il Comitato Direttivo è composto da 9 membri; dura in carica tre anni. I componenti sono rieleggibili.
Il Comitato Direttivo è convocato dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente più anziano per età.
Il Comitato Direttivo
a. elegge il Presidente e due Vice Presidenti;
b. amministra il patrimonio dell'Associazione;
c. predispone i bilanci consuntivo e preventivo e la relazione sull'attività svolta;
d. predispone il programma dell'attività;
e. approva il regolamento del personale dell'Associazione ed ogni altro regolamento interno;
f. delibera sugli altri oggetti attinenti all'attività dell'Associazione che non siano stati riservati dal presente statuto alla competenza dell'Assemblea;
g. delibera sull'ammissione dei nuovi soci;
h. nomina, su proposta della Presidenza, i collaboratori, il personale dell'Associazione e stipula i contratti di consulenza;
i. nomina un Segretario-Tesoriere scelto tra i suoi membri.

 

 torna su

Art. 13 - La Presidenza

La Presidenza è composta da un Presidente e da due Vice Presidenti. Dura in carica tre anni ed è rieleggibile.
Il Presidente
a. rappresenta legalmente l'associazione nei confronti dei terzi e in giudizio;
b. presiede e convoca l'Assemblea;
c. presiede e convoca il Comitato direttivo:
d. propone, d'intesa con i Vice Presidenti, al Comitato Direttivo la nomina dei collaboratori, del personale dell'Associazione e la stipula di contratti di consulenza;
e. nomina procuratori speciali.
In caso di assenza o di impedimento del Presidente le sue funzioni sono svolte dal Vice Presidente più anziano di età.

Art. 14 - Revisori dei Conti

I Revisori dei Conti sono due effettivi e uno supplente; vengono nominati dall'Assemblea che li sceglie tra i suoi membri; durano in carica tre anni e sono rieleggibili.
I Revisori dei Conti
a. controllano l'amministrazione del patrimonio dell'Associazione;
b.accertano la corrispondenza del bilancio consuntivo all'attuazione patrimoniale della Associazione;
c. informano l'Assemblea, convocata per l'approvazione del bilancio, sui risultati del controllo e degli accertamenti effettuati.

Art. 15 - Gratuità delle cariche

Tutte le cariche sociali sono ricoperte a titolo volontario e gratuito, e quindi non possono essere retribuite in alcun modo. Esse sono incompatibili con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato con l'Associazione, ma anche autonomo e che implichi rapporti di contenuto patrimoniale con l'Associazione stessa.

Art. 16 - Scioglimento e liquidazione

L'Assemblea che delibera lo scioglimento dell'Associazione nomina uno o più liquidatori anche tra i non soci e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione, secondo le norme del Codice Civile e delle leggi vigenti.

 

NUOVO STATUTO DELL'UNIVERSITÁ POPOLARE DEL TEMPO LIBERO DI PIAZZA ARMERINA

Approvato dall'Assemblea Generale dell'Associazione il 16 marzo 1995

Per qualsiasi informazione sull'Università Popolare di Piazza Armerina scrivi


 

 torna su